5 novembre 2017

Origini del Casato Carbone e personaggi illustri.


Presunti Stemmi Araldici
Presunto stemma araldico appartenuto alla
Fam. Carbone nel XV Sec.
(posto sulla 'Rocca Carbone' di Lagonegro Pz)


Papa Caio (divenuto Santo - archivio Vaticano) III Sec. d.C.

- Fra le leggende relative alla fondazione di Roma, non è da escludere quanto è detto da molti,
e cioè che alcune Tribù Etrusche, provenienti dalle numerose località dei dintorni da essi abitate, si trasferirono nei pressi del luogo dove il Tevere era più facilmente guadabile: la Valle Murcia la quale si estendeva ai piedi del Palatino, colle sul quale sorse la Roma Quadrata, attribuita a Romolo.

- Tali Tribù conservarono intatte i loro usi e costumi nonchè il loro casato, come fecero i coniugi Carbone, provenienti da Rocca Papiria.

- Questa località era situata a circa due miglia a nord di Tusculum, l'attuale Frascati, importante e antico centro Etrusco, la di cui origine era collegata con la leggenda di Telegono figlio di Circe e di Ulisse, che ne sarebbe stato il mitico fondatore.

- Secondo il significato Etrusco la parola Tusculum significherebbe 'Colle Fosco' ed è certo che esso esisteva prima di Roma ed ivi risiedeva un Lucumone Etrusco.

- I Lucumoni erano dei Tutori Regi, ai quali era devoluto il compito di tutelare e amministrare la giustizia della Tribù.

- E' indiscutibilmente provato che i coniugi Carbone provengono da detto Circondario, tanto è vero che spesso sono citati come Tuscolani.

- E' pure provato che molti di loro vi tornarono ad abitare, ed un certo Carbone Lucio Papirio Masone vi costruì una villa per abitarvi.

- Quì di seguito i nomi dei Carbone, che in modo particolare, si sono messi in evidenza attraverso i secoli e cioè, da quando si ha notizia del primo Carbone, che considereremo come capostipide:

1 - Carbone Lucio, primo della Tribù Papiria, vissuto nel 700 a.c. proveniente da Rocca Papiria, giunse a Roma con tutta la propria gente e fu il loro primo Pater Famigliae.

Ai nomi che seguono si omette il cognome Carbone
2 - Lucio Quinto Papirio - Tribuno nel 650 a.C.
3 - Sesto Publio Papirio - Pontefice nel 550 a.C.
4 - Caio Papirio Massimo - Pontefice nel 510 a.C.
5 - Mario Papirio - Pontefice nel 490 a.C.
6 - Lucio Papirio - Tribuno della Plebe nel 480 a.C.
7 - Lucio Papirio - Pretore nel 470 a.C.
8 - Lucio Papirio detto Mugellano nel 440 a.C.
9 - Marco Papirio - Senatore nel 390 a.C.
10- Lucio Gneo Papirio - Console dal 350 al 310 a.C.
11- Lucio Papirio - Console nel 320 a.C.
12- Marcello Papirio - Edile nel 250 a.C.
13- Caio Papirio - Tribuno nel 250 a.C.
14- Lucio Papirio Masone - Edile nel 250 a.C.
15- Marco Papirio Tardus - Console nel 200 a.C.
16- Lucio Grosso - Console nel 200 a.C.
17- Marco Papirio - Console nel 139 a.C.
18- Caio Papirio - Senatore nel 133 a.C.
19- Gneo Papirio - Console nel 120 a.C.
20- Caio Papirio detto Arvinia - Tribuno nel 110 a.C.
21- Gneo Papirio Trino - Console nel 84 a.C.
con il Console Gneo Papirio Carbone hanno termine
le fortune della Tribù Papiria,
perseguitata da Silla durante la sua
tirannica dittatura alla quale si era opposto
il citato Console nella sfortunata
battaglia di Spoleto.
I supestiti di questo scontro, non potendo rientrare a Roma, preferirono ritirarsi definitivamente nella Basilicata e, scelta una collina, vi costruirono la rocca di difesa, che tuttora conserva il nome di 'Rocca Carbone' e fa parte del Circondario di Lagonegro.

Da questa località i membri della casata Carbone si spostarono verso la Sicilia e verso la Dalmazia e sei anni dopo la crocifissione di Gesù quando l'aposto lo Paolo sbarcò a Messina per propagare la Buona Novella la tradizione vuole che più di un Carbone partecipasse alle adunanze tenute dall'Apostolo.
Fra i componenti delle adunanze si trovava anche un Carbone, che battezzato, aveva preso il nome di Giovanni.

22- Giovanni Carbone - Primo rigenerato, ossia battezzato I Sec. d.C.
23- San Caio - I Sec. d.C.
24- San Pancrazio - I Sec. d.C.
25- San Gabinio 3° Sec. d.C.
26- Santa Susanna 3° Sec. d.C.
27- San Caio Papa 3° Sec. d.C.
28- San Luca Carbone di Demenna o d'Armento (m. 5 febbr 995) X Sec.
29- Giovan Bernardo - Capitano Marittimo XI Sec.
30- Giovan Bernardo e Ignazio (fratelli) - crociati della 3^ Crociata (1189-1192)
31- Giovan Bernardo - Banchiere XIII Sec.
32- Lorenzo - Capitano Marittimo XIV Sec.
33- Giovanni - Possidente XIV Sec.
34- Francesco - Cardinale XIV Sec.
vi è un monumento funerario nel
Duomo di Napoli
35- Giovanni - Cardinale XIV Sec.
36- Guglielmo - Cardinale XV Sec.
37- Ludovico - Poeta XV Sec.
38- Antonio - Senatore XV Sec.
39- Giovanni Bernardino - Capitano XVI Sec.
40- Girolamo - Poeta - morto nel 1527
41- Giovanni Bernardino - Pittore nato nel 1614
42- Giovanni - Pittore nato nel 1665
43- Ignazio d'Alfonzo - Possidente XVIII Sec.
44- Gregorio - Ufficiale dell'Esercito XIX Sec.
45- Domenico - Poeta XIX Sec.
46- Giuseppe - Padre Cappuccino XIX Sec.
47- Domenico - Educatore XIX Sec.
48- Giovanni e Francesco - Combattenti per l'indipendenza d'Italia XIX Sec.
49- Domenico - Tenente Generale (1845-1923)
50- Demetrio - Generale di Divisione XIX Sec.
51- Tito - Patologo (1863-1904)
52- Grio Domenico - XIX Sec.
53- Antonio - Letterato XIX Sec.
54- Giuseppe - Archeologo XIX Sec.
55- Ignazio d'Angelo - Commerciante XIX Sec.
56- Vincenzo - Generale di Divisione XIX Sec.
57- Mario e Dario - Costruttori della Galleria Colonna (adesso Galleria Alberto Sordi) a Roma
58- Domenico - Microbiologo XIX Sec.
59- Luigi Maria - Arcidiacono XIXSec.

Questa ricerca è stata effettuata da Francesco Carbone nato a Oria e vissuto a Roma 1° dirigente
dell'Archivio di Stato in Roma .
Ringrazio Angelo Prof. Galiano della disponibilità con squisita  gentilezza nell'avermi
fornito la documentazione pubblicata.-

Ulteriori approfondimenti sul sito:


Martirio di Papa Caio (di L. Monaco 1394-1397)
archivio del Vaticano
 

 Presunti Stemmi Araldici appartenuti alla Fam. CARBONE
Monete coniate dal Casato Carbone.

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-