31 maggio 2014

Santa Lucia... da Venezia il suo Santo Corpo... il ringraziamento del Rettore del Santuario di S. Lucia don Franco Candita

 
" Il ringraziamento del Rettore del Santuario di S. Lucia "
al termine dell’evento traslazione temporanea
del corpo di S. Lucia da Venezia a Erchie

Prendo la parola ora e mi taccio dopo.
 In questa concelebrazione del vescovo di Oria Mons. Vincenzo Pisanello
 col clero diocesano e col popolo di Dio
 presente e con coloro che si uniscono spiritualmente a noi, 
eleviamo il più bel ringraziamento a Dio 
che mediante l’amore di Gesù ha suscitato in Lucia di Siracusa,
 Veneziana di adozione, 
una testimone fedele del Vangelo. 
Il corpo di santa Lucia nei nove giorni di permanenza nel
 Santuario di Erchie
 è stato venerato dagli abitanti di questa città e
 da migliaia di pellegrini. 
Grazie a Dio e un grazie a tanti. 
A lei, che ha presenziato alle celebrazioni dell’arrivo e
 oggi festa di santa Lucia il nostro grazie.

Mi auguro che Erchie possa diventare centro di
 fede nel Risorto e di contemplazione della gloria di santa Lucia
 che ha offerto la vita per Iddio e i fratelli.
 Divenga, Erchie, un pilastro di quel ponte ideale tra
 Siracusa e Venezia;
 con Siracusa si è realizzato il gemellaggio nel 2009,
 e don Sebastiano Amenta, 
in rappresentanza dell’arcivescovo Mons. Pappalardo, 
è un artefice di tale realizzazione e dell’ostensione di
 oggetti relati al culto di s. Lucia. 
Con Venezia ci stringe,
 per concessione del Patriarca S.Ecc. Mons. F. Muraglia
 della traslazione temporanea del corpo di santa Lucia,
 quasi un patto di fede nel nome di Lucia. 
In ciò l’interessamento di Mons. Orlando Barbaro, 
di don Renzo Scarpa, 
e di don Giuseppe Costantini,
 Prefetto delle reliquie della diocesi Veneta,
 hanno sortito l’avveramento di un evento tanto desiderato.
 L’uno e l’altro evento erano un desiderio ardente di un piccolo gruppo,
 all’inizio, del signor sindaco Giuseppe Margheriti e
 del rettore pro tempore del Santuario don Gianfranco Aquino
 e fatto mio, con l’incoraggiamento e il sostegno fermo e
 azzardato del nostro vescovo 
Mons. Pisanello.

A questi primi ringraziamenti aggiungo subito quelli per tantissimi di voi,
 e sarei mortificato se ne dimenticassi qualcuno. 

Perciò dico grazie a tutti: 
all’Amministrazione comunale che ha sostenuto la causa dell’evento,
 considerato più che straordinario,
 agli Uffici dove i loro dirigenti e il personale nel silenzio e
 con dedizione hanno collaborato con la segreterìa del Sindaco e
 la dott.ssa Agata e la Protezione civile. 
Grazie agli uomini della vigilanza, alle autorità militari:
 al Maresciallo e ai carabinieri di Erchie,
 al comandante e ai Vigili urbani;
 grazie a tutti coloro che hanno reso le celebrazioni liturgiche decorose e
 solenni: i cori e le scholae cantorum. 
Alle associazioni, ai gruppi dei portatori e delle portatrici e
 al Comitato S. Lucia che hanno collaborato nel 
mantenere ordine e offrire servizi nel Santuario permettendo un
 ordinato e scorrevole omaggio alla santa, a tutti grazie.

  Grazie a tanti che nel silenzio operoso, 
con umiltà e grande disponibilità,
 senza un briciolo di visibilità,
 hanno reso possibile questa gioiosa iniziativa di fede
 che ha coinvolto migliaia e migliaia di persone.
L’ostensione del corpo della santa è stata fruibile anche
 dalle persone anziane o impossibilitate a parteciparvi fisicamente,
 mediante immagini, 
filmati e articoli sull’evento offerti dai mezzi di
 comunicazione e ciò per l’interessamento e 
l’impegno del Credito Cooperativo di Erchie. 
Grazie ai tanti che con il loro sostegno economico e
 le offerte hanno reso possibile organizzare una festa di popolo. 
I pellegrini, nelle brevi o prolungate soste davanti alla santa,
 hanno potuto esprimere i loro voti,
 le loro sofferenze e le invocazioni di aiuto per un ammalato o
 per un figlio in difficoltà economiche o disagio morale. 
Ciò fa passare sopra a immiserimenti di valutazioni sull’opportunità o
 meno di questa manifestazione.
 È giornata di festa, di richiesta di grazia,
 è giorno dell’amore che fa condividere le sofferenze con 
chi soffre e la gioia con chi gioisce.
  
La santità di Lucia socializza la fede e rende vivibili le nostre città,
 dà forza alla carità e alla speranza,
 e rende dinamica e solidale la vita e l’esistenza.

Da ultimo, ma non per questo ultimi, ma insieme con i primi,
 un grazie sentito e cordiale al parroco don Domenico Carenza e
 al suo collaboratore don Giuseppe Leporale;
 con loro abbiamo programmato quanto ci competeva 
ed essi hanno dimostrato che si può cooperare senza che
 ci siano competizioni inutili e dannose. 
La molteplicità delle iniziative richiedeva presenze contemporanee 
in diverse iniziative e ciò è avvenuto, ognuno ha fatto la sua parte.
 Il santuario e le parrocchie sono per i fedeli,
 cui bisogna prestare tutte le attenzioni e offrire la parola di Dio,
 i sacramenti e ogni aiuto spirituale optando per la benevolenza di Dio e
 la protezione di santa Lucia e di sant’Irene che
 dal cielo vegliano su questa popolazione.
Tutto rimarrà a lungo nella memoria e nella storia personale di
 ognuno di noi e di Erchie tutta. 
Grazie a tutti e santa partecipazione al convito eucaristico
 del Signore che stiamo celebrando! "

                                                                                     don Franco Candita*
* Rettore del Santuario di S. Lucia in ERCHIE (BR)


http://www.youblisher.com/p/868124-Programma-Santa-Lucia-a-Erchie-2014/
http://www.youblisher.com/p/868124-Programma-Santa-Lucia-a-Erchie-2014/
IL SANTUARIO DI S. LUCIA IN ERCHIE    
                                                                                                                                 
                                                                                              Giuseppe MORLEO
SANTUARIO DI SANTA LUCIA V. M. FACCIATA SUD CHIESA SUPERIORE
A sud ovest della provincia di Brindisi, nel cuore della vecchia “ Terra d’Otranto”, all’interno di quello che una volta era indicato come “Ager della Foresta Uritana” , oggi in una valle di ulivi rigogliosi e ultrasecolari, tra trulli e muretti di pietra a secco, che disegnano il paesaggio, è ubicato l’antico borgo oggi indicato col nome di  “Erchie”. Nome altisonante che presuppone  nobili origini legate al culto di Ercole, Hercules romano,  Eracle greco, divinità venerata  anche nella civiltà messapica.

Come eravamo... i Kamhasci al Merum con Studio 100 di Emilio Carbone - 1 maggio 2006



Serata di Pizzica al
 Merum con il gruppo
 'Kamhasci' 
formatosi grazie ad una idea 
di alcuni ragazzi frequentanti la
 Chiesa di San Francesco di Assisi,
 incoraggiati, guidati e coadiuvati dal
 Parroco Don Domenico Spina.

26 maggio 2014

'Santa Lucia con gli occhi suoi belli' raccolta fotografica dell'evento

 Raccolta fotografica dell'evento... 
da Venezia il suo Santo Corpo dal 23 aprile al 2 maggio 2014
 - Ostensione delle Sacre Spoglie -  

Le foto sono di Tonino Carbone e/o prese dai vari siti/social network 
pertanto alla pubblicazione delle presenti foto 
non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone le cui foto 
sono presenti in questo sito, 
se gradivano o meno questo inserimento; 
qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, 
non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all’indirizzo
 sotto indicato al blog www.toninocarbone.it 
ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi.-

5 maggio 2014

Come eravamo... "RESURREXIT 5 aprile 1993" ...il video


... anteprima retro le quinte... "Resurrexit 3 aprile 1993 1^p." ...il video

... "Resurrexit 3 aprile 1993 2^p." ...il video

... "Resurrexit 3 aprile 1993 3^p." ...il video 

2 maggio 2014

AVIS Oria - un gesto di responsabilità, imparare...

Mercoledì 14 maggio l’Avis di Oria promuove
“UN GESTO DI RESPONSABILITA’, 
IMPARARE A SALVARE UN BAMBINO CHE SOFFOCA”
 
Manovre di disostruzione in caso di ostruzione da corpo estraneo
L’associazione Avis di Oria promuove 
mercoledì 14 maggio dalle ore 11.00 alle ore 13.00
  presso il Palazzetto dello sport di Oria 
un incontro con gli Operatori sanitari BLSD
 (tecniche di supporto di base alle funzioni vitali con defibrillatore) 
sul tema:

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-