20 ottobre 2013

'Paura di Volare' il libro di Nadia FRANCALACCI



PRESENTAZIONE LIBRO PAURA DI VOLARE


L’Associazione Culturale Latiano Futura - Cafè Letterario, 
riprende le sue attività.
 L’Associazione  prosegue con la sua presenza 
come contenitore  artistico-culturale 
aperto a chiunque voglia esprimere e condividere
 il proprio talento e pensiero. 

Nella  stagione, appena iniziata, 
delle attività del Cafè Letterario non mancheranno, 
tra le altre,  esposizioni di pittura e scultura 
con valenti artisti nonché serate dedicate
 alla poesia sia in lingua italiana, 
sia vernacolare salentina e  anche incontri pubblici 
su  tematiche d’attualità inerenti la Sanità,
 Scuola, Lavoro, Legalità e Politica Sociale.
 Inoltre ripartono gli
 “ Incontri con l’Autore”.


 Primo appuntamento previsto in calendario, 
quello del  26 ottobre 2013, 
con la presentazione del libro
 “Paura di volare” 
della giornalista e scrittrice
 Nadia Francalacci  
che sarà ospite di Idea Radio,
 Media Partner dell’intero programma 2013 /2014,
 Sabato 26 Ottobre alle 9,40,
  durante il “ Territorio in Diretta “.


Sembra impossibile.
 L'aereo è certamente il mezzo più affidabile, 
eppure accadono tanti incidenti (e noi non lo sappiamo),
 e troppi speculano sulla nostra sicurezza.
 Nei cieli e negli aeroporti succede di tutto, ogni giorno,
 e spesso nessuno controlla.
 Controllati siamo solo noi quando passiamo al check- in 
e ci sottoponiamo a inutili verifiche.
 Le compagnie aeree hanno un solo obiettivo: decollare.
 Come, lo racconta questo primo libro inchiesta
 sul vortice di interessi e di truffe che girano intorno al trasporto aereo.
 Succede che un fotografo con la passione del volo diventi 
comandante falsificando i documenti e venga scoperto
 solo dopo 10.000 ore di volo,
 e come lui molti altri intemerati ottengano il brevetto
 di pilota saltando esami teorici troppo difficili.

Pezzi di ricambio non certificati e 
immessi sul mercato da broker squali procurano piccoli
 o gravi inconvenienti: 
il Concorde esploso nel 2000 aveva impattato sulla pista
 con un pezzo non conforme perduto da un DC-10,
 sull'ATR72 tunisino inabissatosi nel 2005
 nei nostri mari con i serbatoi vuoti era stato da poco
 montato un indicatore di carburante sbagliato,
 aerei precipitati vengono recuperati e i loro

 strumenti rivenduti alle compagnie di tutto il mondo. 

Qui c'è l'elenco di chi si è avvalso di questi componenti a basso costo.
 In un hangar di Ciampino la Finanza ha trovato ogni genere di ricambi
 (persino giubbotti per bambini del 1966) 
pronti per essere venduti.
 Ecco il perché di tante avarie, alcune terribili,
 altre per fortuna senza conseguenze  per i passeggeri.
 E guai ai comandanti troppo scrupolosi che denunciano malfunzionamenti, 
cattiva manutenzione e orari impossibili
 (27 ore consecutive!).
 Molti sono stati licenziati.
 E in tanti ora hanno paura a esporsi. 
L'autrice ha documentato tutto e ha trovato con fatica testimoni
 disposti a parlare dopo anni di silenzio e omertà: 
piloti, finanzieri, magistrati, ex impiegati degli enti di controllo. 
Verità imbarazzanti che paghiamo noi, sulla nostra pelle,
 coperte in nome del profitto a tutti i costi.
 Eppure la magistratura almeno un'inchiesta l'ha avviata. 
Qualcosa è venuto fuori.
 Le compagnie sono avvisate da tempo.
 E pure gli enti di controllo. 
Importante è che chi ha il coraggio di 
denunciare non rimanga solo.


                                                        Nadia Francalacci vive in provincia di Livorno.
 Ha iniziato nel 1993 a scrivere articoli di cronaca per il quotidiano 
«Il Tirreno» 
e a collaborare con il Sic, Servizi informativi centrali della Radio vaticana,
 emittente della Città del Vaticano.
 Nel 2007, ha deciso di dedicarsi alle inchieste:
 dal mistero del Moby Prince al traffico illecito dei rifiuti
 che arrivano in Italia dall’Africa e dal Nord Europa,
 dalle truffe alimentari allo scandalo delle cremazioni.
 Si è occupata anche di malasanità e criminalità organizzata.
 Collabora con i maggiori settimanali nazionali:
 “Panorama”,“Panorama Economy”,“il Venerdì di Repubblica”,
 e il quotidiano “Libero”. 
Ha scritto anche per “l’Espresso” e Panorama.it. 
Per queste testate realizza inchieste e articoli di cronaca ed economia.
 Adora volare (anche dopo aver pubblicato l’inchiesta Paura di volare,
 Chiarelettere 2011),
 fare i lanci con il paracadute,
 trascorrere qualche ora al poligono di tiro e 
fare lunghe camminate lungomare.
 Ad Aprile 2011 ha pubblicato per Chiarelettere

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-