29 maggio 2013

Campionato Nazionale Amatori Improvvisazione Teatrale Lecce

Uno scatto dal girone di andata del Campionato Nazionale Amatori d’improvvisazione teatrale.

...l’improvvisazione teatrale è sempre più di casa 
in Salento dove da quattro anni a questa parte 
la cooperativa Improvvisart sta diventando 
un punto di riferimento nazionale. 
Per la prima volta nella sua storia una squadra 
di Lecce sta partecipando al 
Campionato Nazionale Amatori 
d’improvvisazione teatrale

Il campionato è alla sua quinta edizione 
e sabato prossimo ci sarà la sfida di ritorno 
del triangolare che vede coinvolte le squadre
 Verba Volant di Roma e 
Maia di Latina, 
oltre a Improvvisart Lecce.


Otto improvvisatori salentini sfideranno 
le altre due squadre in Imprò
il primo format d’improvvisazione
 teatrale italiana. 

I temi, i generi teatrali, i game (giochi) 
come sempre saranno suggeriti dal 
pubblico 
mentre un notaio aggiungerà limitazioni ed 
eventuali altre difficoltà e aggiudicherà 
il voto alle squadre a seconda del voto 
del pubblico stesso.


Frequento dall’autunno gli amici di Improvvisart 
e sabato avrò l’opportunità di giocare per la prima 
volta in questo format d’improvvisazione teatrale. 
Perciò spero che amici e lettori del blog 
vengano a questo appuntamento per tre motivi:

  1. conoscere l’improvvisazione teatrale se non la conoscete ancora;
  2. passare una serata divertente e piena di colpi di scena come anche di armonia di attori che senza aver preparato nessun testo prima faranno nascere sul momento delle meraviglie;
  3. godervi le improvvisazioni teatrali da ovunque nascano ma scaldare il cuore di noi salentini con la vostra presenza.

L’appuntamento è sabato alle 21 presso le

L’ingresso è di cinque euro e i numeri 
per chiedere informazioni sono il 
347 8502529 e il 328 7686080.
   

27 maggio 2013

Olimpiadi In - XIV Edizione


La Storica Parata dei Turchi - Potenza

I Milites Friderici II alla Storica Parata dei Turchi  
Potenza 
29 maggio 2013, Ore 19.30 
 Campo Sportivo “Viviani”

La storica parata dei turchi.  
Patrimonio d’Italia per la Tradizione

 L a Storica Parata dei Turchi è la festa della 
nostra  Città alla quale tutti i cittadini
 partecipano emotivamente.
 Una festa di popolo che si trascina di generazione
 in generazione nella quale sono coinvolte molte Associazioni cittadine che collaborano 
attivamente alla buona riuscita dell’evento con iniziative mirate e aggreganti per tutte le fasce 
di età della Città.
Essa si svolge in occasione della vigilia della festa 
in cui si commemora il Santo Patrono,
Gerardo da Piacenza
ormai da più di quattro secoli.
 L’importante riconoscimento di
Patrimonio d’Italia per la Tradizione” 
che la Storica Parata dei Turchi ha ottenuto nel
luglio del 2011 da parte nel Ministero del Turismo, 
aggiunge non solo una importante
onorificenza a questa centenaria tradizione
 di popolo ma conferma che le scelte intraprese
da questa Amministrazione si sono rivelate 

giuste e sono servite a restituire all’intera Città,
un evento che è l’anima stessa di Potenza, 
ne costituisce identità e appartenenza.
 Proprio per questi motivi, l’Amministrazione,
 sollecitata dal Comitato tecnicoscientifico 
e da altre  importanti istituzioni, 
ha ritenuto di candidare questo evento 
nella lista rappresentativa del
Patrimonio immateriale dell’UNESCO. 

Un ringraziamento al Comitato tecnico-scientifico
che, dal 2010, ha saputo riorganizzare l’intero evento: questo stesso Comitato ha elaborato
un disciplinare che è stato approvato 
in Consiglio Comunale, a maggio del 2011.

 Aver voluto approvare un disciplinare su 
questa tradizione è stato un altro importante
 passo di questa Amministrazione: 
in esso si stabiliscono regole fondamentali 
che servono a tutelare la nostra
tradizione ma non a fermarla o a cristallizzarla.
 
La Città di Potenza si identifica nella Storica 
Parata dei Turchi: vengono fatti sfilare,
 come in una pellicola di un film, 
900 anni di storia cittadina,
 900 anni di devozione verso il Santo Patrono, 
435 anni di un evento che si ripete ciclicamente
 ma è sempre nuovo e sempre
amato con la stessa intensità.
Una festa che affonda le origini nel 

Mediterraneo 
e che si confronta con le grandi civiltà
che in questo mare si sono succedute, 
incontrate e scontrate.

 Una festa di uomini, donne e
bambini, una festa di musica e suoni,
 una festa di aggregazione per l’intera Città
 e per ogni suo abitante.
 
Buona Parata dei Turchi!
 
Vito Santarsiero
Sindaco della Città di Potenza


Il restauro della memoria
L a Storica Parata dei Turchi racchiude
 una lunga tradizione popolare della città di
Potenza strettamente legata, almeno negli ultimi 200 anni, al Patrono, San Gerardo da Piacenza. 
Leggenda che si confonde con la storia della città e quella della fede del suo popolo. 
Gerardo La Porta arrivò a Potenza nel 1111. Da Piacenza, in realtà, arrivarono
tre santi uomini che ricoprirono la carica di vescovo:
 Alberto fu vescovo a Siponto,
Gerardo a Troia e Gerardo a Potenza.
La presenza di questo vescovo a 
Potenza fu un avvenimento molto importante
 per la città:
egli si fece amare molto dal popolo per la mitezza

 del carattere e la grande cultura così
come apprendiamo dalla descrizione della sua vita,
 scritta dal suo successore, 
il vescovo Manfredo. 

In questa biografia, si mettono in
 evidenza i molti miracoli che Gerardo
compì durante il suo episcopato e l’attenzione 
che rivolgeva verso i giovani. 
Gerardo
morì nel 1119: 5 anni dopo, e cioè nel 1124,
 egli fu canonizzato.
 Dopo qualche anno,
la Cattedrale di Potenza 
fu dedicato al nuovo santo e, da allora,
 il popolo potentino si
riconosce in questo uomo e 
lo festeggia con grande devozione.
A San Gerardo è legata la secolare tradizione

 della cacciata dei Turchi dalla città ma questa
è una leggenda che, pian piano, il popolo 

potentino costruì e si tramandò oralmente 
per molti secoli. 
Infatti, nella descrizione della vita di 
San Gerardo scritta dal vescovo Manfredo,
 non c’è nessun riferimento a questo miracolo né,
 in altre fonti, c’è notizia
dell’arrivo di popolazioni arabe in città.
Invece, risulta molto verosimile far risalire la 
Storica Parata dei Turchi a un altro episodio
anch’esso storicamente attestato. 
Il 24 giugno 1578, in occasione dell’arrivo 
del nuovo conte in città,
 Alfonso de’ Guevara, si organizzò 
una grande festa: in quel periodo, si
usava organizzare suggestivi trionfi quando

 in una città arrivava un nuovo re 
o un nuovo feudatario.
 Questa moda era in uso anche a Potenza: nell’occasione dell’arrivo del conte
Alfonso de’ Guevara si decise di aspettare 

il nuovo feudatario della città, presso il 
fiume Basento, a Betlemme. 
Si costruirono tre castelli e si simulò una battaglia con i Turchi che vennero sconfitti e fatti prigionieri: questo spettacolo faceva riferimento alle grandi
battaglie che, in quegli anni, si svolgevano nel Mediterraneo e che si conclusero con
la battaglia di Lepanto, nel 1571, quando l’esercito cristiano sconfisse definitivamente
l’armata turca.
Questi grandi eventi era abitudine di 

rievocarli con grandi spettacoli:
 succedeva in moltissime
città del Mediterraneo e accadde anche 

a Potenza.
 Si ritiene che questo spettacolo
piacque molto ai potentini che continuarono a metterlo in scena non solo quando
arrivavano i nuovi feudatari della città ma,

 anche, per il Santo Patrono verso il quale,
ogni anno, si rinnovava il ricordo e la devozione. 
Anzi, è molto probabile che il popolo
di Potenza attribuì alla protezione di 
San Gerardo la mancata occupazione della città
da parte dei Turchi e dei Mori che,

 durante il XV e il XVI secolo, 
terrorizzarono tutto il  Mediterraneo. 
I Turchi non arrivarono perché 
San Gerardo, aiutato da una schiera di
angeli guerrieri, li fermò sul fiume 

Basento e la città non subì 
alcuna scorreria o dominazione turca. 

Di sicuro, apprendiamo dalle delibere
 comunali di inizio del XIX secolo
e dai giornali delle stesso periodo,

 che la festa si svolgeva così come 
si svolge oggi.
 Per un periodo, essa avveniva l’11 maggio 
poiché la festa  di San Gerardo si festeggiava 
il 12: solo successivamente essa fu
 spostata al 29 maggio perché il clima 
diventava più mite.
Nella seconda metà del XIX secolo,

 Raffaele Riviello descrisse in maniera 
memorabile la parata dei Turchi, 
con ogni particolare e trasmettendo
 l’emozione che il popolo provava
nell’attesa della festa e quanto fosse 

amata da tutti.
Per tutti questi motivi, possiamo considerare 
la parata dei Turchi un avvenimento storico:
essa è legata a due eventi realmente 

accaduti e cioè il vescovado di Gerardo con la
sua santificazione e il grande trionfo 

organizzato per l’entrata in città del conte 
Alfonso de’ Guevara.
 Questi due avvenimenti storici si sono 
fusi in una leggenda erudita che si
trasmette da secoli: per questo, 

possiamo affermare che quest’anno ricorre il 435esimo anno della Storica Parata dei Turchi,
 e cioè il tempo trascorso dal primo documento
che ci descrive il popolo potentino 
“vestito alla moresca e alla turchesca”
appunto il 24 giugno 1578.
 La Storica Parata percorre tutti questi avvenimenti attraverso tre diverse ambientazioni:
 la prima è un momento di pura gioia e festa.
 Essa è l’inizio della parata e
la sua introduzione: dalle pagine di 

Raffaele Riviello
 si sono estrapolati tutti gli elementi
del popolo che aspetta e si prepara 

per onorare e commemorare San Gerardo.
 Attraverso suoni e balli della tradizione ottocentesca,
 si introduce gli spettatori nel clima di
festa: sfilano contadini e borghesi, si porta in processione la iaccara che verrà accesa,
nell’antica piazza del sedile, 

alla fine di tutta la parata.
Solo con la seconda ambientazione 

comincia la parata tradizionale: il gran turco
Civuddine viene trasportato su un carro fra odalische e nobili signori turchi. Subito
dopo, si simulano le grandi battaglie che 

avvenivano nel Mediterraneo con gli scontri
fra Cristiani e Turchi. 


Ed ecco che, dopo la battaglia, 
si celebra il miracolo dello scontro
mai avvenuto a Potenza: 

San Gerardo, circondato dagli angeli guerrieri,
 viene trasportato
su una nave trascinata dai prigionieri turchi.


 La città è libera: si portano i vessilli
della 4 porte più importanti della città e sfilano guerrieri, ecclesiastici e nobili che 

rappresentano la Potenza del XVI secolo. 
Infine, si rievoca l’arrivo del conte
 Alfonso de’ Guevara in città che viene 
accolto a Portasalza dal Mastro 
giurato e dai nobili uomini
insieme all’arciprete e a tutto il clero cittadino. 


La terza ambientazione è un momento di pura spiritualità e racconta come era la città
nel XII secolo: è il momento in cui è in 

vita il vescovo Gerardo, 
un periodo di grande
fascino e di grandi avvenimenti. 
I Normanni stavano costruendo il 
Regno di Sicilia che
venne fondato nel 1130 e cioè pochi 

anni dopo il vescovado di Gerardo da Piacenza:
 in questo periodo la Basilicata era al 
centro dei grandi avvenimenti europei.

Melfi era la capitale, la città dal quale 

si dipartì la grande conquista del Regno;
 Venosa, con la chiesa della SS.Trinità 
e la successiva costruzione dell’Incompiuta,
 era la città prescelta dalla famiglia normanna 
degli Altavilla come tomba di famiglia.
 

Potenza era ubicata sui grandi circuiti 
viari percorsi da re e imperatori: 
una città che il geografo arabo Edrisi 
descrive estesa e popolata, 
fra le sue coltivazioni, egli menziona
estesi campi di viti e di alberi da frutto; 

parla inoltre del fiume Basento
 (in arabo barantal),
 avente origine da un monte vicino alla città. 
Dunque, una città in pieno
sviluppo che si riconosce e trova 

identità civica nel Santo Patrono: 
non a caso questa ambientazione termina 
con il trasporto del 
Tempietto di San Gerardo 
al passaggio del
quale, gli spettatori usano segnarsi 

con la croce per rinnovare quel profondo 
senso di appartenenza e di devozione 
verso colui che seppe riunire l’intera 
città in un senso identitario comune.
 

La Parata si conclude davanti la Cattedrale: 
sulla porta dell’edificio religioso, la statua
del Santo aspetta la città. 

I figuranti si riuniscono sotto la scalinata
 e simbolicamente, ogni anno, 
la città si consegna al suo 
Patrono in un momento di grande spiritualità 
ed emozione con canti e preghiere 
dedicate a San Gerardo.
 
Antonella Pellettieri
Presidente Comitato tecnico-scientifico

Presentazione del volume "Oltre la coperta della Zia"





CREMONA 
Biblioteca comunale Palazzo Affaitati
Il volume sarà presentato durante il Festival letterario
 "Le Corde di Cremona" 
29-30 maggio 2013 dove andrà in scena
 "una sorta di festival off in cui si snoda una serie di 
appuntamenti che vengono dal basso,
 che raccontano della vivacità creativa di un mondo che 
non si limita ad apprezzare con entusiasmo 
la presenza dei grandi scrittori e musicisti 
provenienti da fuori, ma a sua volta è fattore di 
produzione letteraria e artistica di qualità, 
in alcuni casi di eccellenza assoluta.
Tutti gli incontri si terranno nel suggestivo cortile della 
Biblioteca comunale a palazzo Affaitati" 
(Paolo Gualandris, Più, Primo Piano).

26 maggio 2013

Incontro testimonianza ad Oria sulla storia della piccola Palmina Martinelli

“Un No che vale una vita!”
tutto pronto per l’atteso incontro con il 
Magistrato Nicola Magrone
Si terrà giovedi 30 maggio,
 con inizio alle ore 19 presso la sala conferenze 
del Seminario Vescovile oritano,
 l’incontro testimonianza organizzato 
dall’Università Popolare Oritana 
sulla triste vicenda della piccola Palmina Martinelli,
 ragazza fasanese bruciata viva 
perché si opponeva ai suoi aguzzini.

 Nicola Magrone è ’ entrato in magistratura nel 1971,
 ha cominciato facendo il pretore a Monza e
 occupandosi di Edilnord e di Milano Due,
 agli albori delle fortune economiche di Berlusconi;
 è stato Sostituto Procuratore a Bari 
e Presidente della Corte di Assise di Potenza,
 ha seguito indagini e processi drammatici 
contro la criminalità organizzata e 
casi di violenza su giovani donne come quello 
di Palmina Martinelli ed Elisa Claps.

 Sottoposto a scorta per oltre 15 anni perché ripetutamente
 minacciato dalla criminalità organizzata.

 Deputato della Repubblica, eletto con l’associazione
 “Italia Giusta secondo la Costituzione” 
collegata ad Alleanza Democratica.
 E’ uno tra i maggiori esperti italiani di Costituzione,
 da molti anni impegnato in un’associazione proprietaria
 di una piccola casa editrice che ha pubblicato
 testi importanti e di qualità, 
per più di sette anni è stato Procuratore capo 
della Repubblica a Larino.

 “Palmina giudiziariamente è stata trattata 
come una strega e giudicata una calunniatrice, 
manifestazioni come questa testimoniano che 
nelle coscienze si è affermata una verità che le rende giustizia”.

 Lo ha detto il magistrato Nicola Magrone 
durante un incontro organizzato,
 nello scorso mese di Febbraio, 
da Retinopera Salento.

 Palmina Martinelli fu bruciata viva a 14 anni, 
nell’81, a Fasano (Brindisi) perchè non voleva prostituirsi.
 Magrone, all’epoca dei fatti, era il pubblico ministero 
che raccolse a Bari le ultime parole di Palmina Martinelli 
e lottò per la condanna dei colpevoli, 
ma in sede processuale emerse la tesi che la 14enne 
si era suicidata dandosi fuoco. 
Nell’ottobre dello scorso anno la sorella di Palmina,
 Giacomina Martinelli, ha presentato al procuratore 
della Repubblica presso il tribunale di Brindisi,
 Marco Dinapoli, una denuncia chiedendo 
che si cerchino gli “autori dell’omicidio doloso”.
 Per l’omicidio di Palmina Martinelli 
vennero giudicati negli anni Ottanta Giovanni Costantini,
 che Palmina considerava il suo fidanzato,
 e il fratellastro di Costantini, Enrico Bernardi,
 sfruttatore della prostituzione di una delle sorelle di Palmina. 
I due giovani erano stati indicati dalla stessa
 Palmina come responsabili dell’omicidio:
 le parole di Palmina sul letto di morte vennero registrate,
 con l’aiuto dei medici rianimatori,
 dal magistrato che fu pm nel processo di primo grado,
 Nicola Magrone. 
La Corte di Cassazione nell’88 assolse con formula piena 
e definitivamente Costantini e Bernardi stabilendo che
 Palmina si era data alle fiamme da sola.

 “E’ una storia che grida ancora giustizia 
– è il commento del presidente dell’università popolare 
Roberto Schifone – 
è la nostra associazione chiede a voce alta che sia 
resa giustizia a Palmina. 

L’incontro col magistrato Magrone chiude il ciclo 
di incontri monotematici promossi dall’UPO,
 abbiamo volutamente terminare con la storia di 
Palmina affinchè questa chiusura sia preambolo 
all’apertura del prossimo anno, 
l’università popolare non intende stare in silenzio 
e si associa all’appello della sorella della piccola 
martire brindisina: si cerchino gli autori dell’omicidio doloso!”. 

L'incontro sarà aperto dal cantautore pugliese Angelo Presta,
 da sempre impegnato nel mondo del volontariato brindisino, 
che proprio alla storia della piccola Palmina 
ha dedicato due brani.

25 maggio 2013

Generalità familiare e sociale - C. Ed. Ro. Oria



"Generatività familiare e sociale"

Costruzione dei legami e percorsi "generativi"

per la tutela dell'infanzia e dell'adolescenza


Oria (Brindisi) 
31 maggio 2013

8,30 - 9,30 - Accoglienza e registrazione
9,30 - 9,45 - Apertura lavori: Presidente Cooperativa Sociale Cedro onlus
- Introduzione ai lavori: Coordinatore Comunità Cedro onlus
9,45 - 11,00 - Saluti ed interventi:
  • Generale Congregazione PP. Rogazionisti
  • Presidenti TTMM di Bari, Lecce e Taranto
  • Presidente Camera Minorile
  • Dirigente Regione Puglia
  • Presidente Ordine Assistenti Sociali Puglia
  • Presidente Ordine Psicologi Puglia
11,00 - 13,50 Introduzione relazione: moderatore
  • Relazione: "Genitorialità: essere "generativi" in famiglia e nel sociale". Dr.ssa Rosa Rosnati (Prof. Associato in Psicologia Sociale – Centro d’Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia - Università Cattolica del Sacro Cuore Milano)
  • Relazione: "Appartenenza, appartenenze nella terra di mezzo: affido adozione". Dr.ssa Ondina Greco (Psicoterapeuta della coppia e della famiglia – Centro d’Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia - Università cattolica del Sacro Cuore Milano)
- Filmato breve: testimonianze ed esperienze Cedro

  • Relazione: "Preparazione degli aspiranti all'adozione anche alla luce delle Linee Guida regionali pugliesi". Dr. Salvatore Nuzzo (Consigliere Ordine degli Psicologi della Regione Puglia)


  • Relazione: Puglia: "Il territorio: spazio privilegiato per la costruzione dei legami". Dr.ssa Adriana Mazzarisi (Vice presidente Ordine Assistenti Sociali della Regione Puglia)
Filmato breve: testimonianze ed esperienze Cedro

13,50 - 15,00 - Buffet
15,15 - 17,00 - Laboratori
17,15 - 18,30 - Rientro in plenaria per la comunicazione delle sintesi dei lavori nei gruppi e conclusioni

DESTINATARI:
  • Ordine regionale Psicologi Puglia
  • Ordine regionale Avvocati Puglia
  • Ordine regionale Assistenti Sociali Puglia
  • ASL Ente Provincia Ente regione
  • Referenti Comunità Educative
  • Associazioni / CSV
  • Insegnanti / docenti
  • Educatori professionali
  • Forum Terzo Settore
  • Operatori della Giustizia Minorile

ACCREDITAMENTI:
L'evento è stato accreditato dall'Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Puglia

scaricacompila il MODULO DI ISCRIZIONE
iconapdf

SEDE DEL CONVEGNO:
Cooperativa Sociale Cedro onlus
Via Annibale Maria di Francia, 32 – Oria (Brindisi)
Sala "Gassman"
Via Manzoni, 1 – Oria (Brindisi)


24 maggio 2013

La battaglia del XI secolo


 

La Battaglia dell'XI Secolo tra Normanni e Bizantini

Taranto - Archeoparco Satùro


25-26 Maggio 2013

 Programma

Sabato 25 maggio
Ore 16:30 - 21:00 apertura accampamento e mercatino medievale,
spettacoli d'arme e torneo di tiro con l'arco
Ore 18:00 Prologo de La Battaglia dell'XI Secolo

Domenica 26 maggio
Ore 11,00 apertura al pubblico accampamento e mercatino medievale.
Ore 18,00 Epilogo de La Battaglia dell'XI Secolo
Ore 20,00 Chiusura
Dopo il successo della VI edizione del 2012 anche quest’anno l’associazione storico culturale “I Cavalieri de li Terre Tarentine” in collaborazione con la Cooperativa Polisviluppo, ripropone la VII edizione de “La Battaglia dell’XI secolo” tra Normanni e Bizantini.
"Nel 1055 i Normanni ripresero l’offensiva per la conquista delle estreme terre pugliesi, il conte Umfredo di Altavilla e i fratelli  Goffredo di Conversano e Roberto di Montescaglioso riunirono in tempo le loro forze per dare battaglia ad un forte contingente Bizantino nei pressi di Taranto. I Bizantini furono sconfitti ma Taranto rimase ancora nelle loro mani così si spostarono alla conquista di Otranto e Castro”.
BREVE CHRONICON NORTHMANNICUM..
Sabato 25 e domenica 26 maggio 2013 tra le sponde dell’antico porto di Saturo, in un luogo suggestivo e palpitante di storia, il passato dell’XI secolo si ripresenta con accampamenti militari, allestiti con scrupolosa filologicità e decine di personaggi dell’epoca che animeranno quest’angolo di bellezza naturale del nostro territorio.
Alla battaglia parteciperanno circa 200 rievocatori storici con competenze specifiche nelle arti marziali occidentali provenienti da gruppi storici di tutta Italia e con una rappresentativa europea ricreando situazioni di battaglia dell’epoca il più fedelmente possibile con utilizzo di ordini, comandi, tattiche e schieramenti utilizzati in quel tempo.
La battaglia si svolgerà nei due giorni di evento con uno scontro iniziale del sabato pomeriggio e l’epilogo della domenica pomeriggio. Essa prevede un avvio scenografato in cui si inscenano alcuni episodi descritti dai cronisti dell’epoca con le gesta dei personaggi protagonisti e una seconda parte in cui il combattimento avverrà in parte “libero” e in parte in “show fighting” secondo le regole “Vikings combat” e della scherma scenografata.

Anche quest'anno avrà luogo un grande accampamento animato da scene di vita quotidiana e militare dove  mercanti e artigiani  esporranno gli oggetti e le lavorazioni artigianali dell’epoca.

Anche quest'anno avrà luogo un grande accampamento animato da scene di vita quotidiana e militare dove  mercanti e artigiani  esporranno gli oggetti e le lavorazioni artigianali.Vi sarà la possibilità da parte del pubblico di cimentarsi praticamente all’uso del telaio dell’epoca grazie ad esperte artigiane (sabato 25 dalle 17.00 alle 17,30 e domenica 26 dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 16,30 alle 17,30).
L’evento rientra tra le manifestazioni raccomandate di
 “FotoArte 2013”
 organizzato dal circolo fotografico
 “Il Castello”. (www.fotoartepuglia.it).
Il contributo di entrata nel Parco archeologico per l’evento è al fine di autofinanziamento associativo ed è di tre euro a persona per un giorno e 5 euro a persona per ambedue le giornate.
 I Bambini fino a 12 anni possono entrare gratuitamente.
Il pubblico potrà pranzare e cenare presso alcuni operatori turistici della zona convenzionati all’evento: Canneto Beach 338-8253038 (parcheggio a pagamento), Park Saturo (parcheggio a pagamento) 339-7366194, Satyrion (parcheggio a pagamento) 338-9827389 (anche Bed and Breakfast), Masseria Galeone 392-0182093 (anche servizio B. and B.).
Evento organizzato da:
"I Cavalieri de li Terre Tarentine" – Lama, Taranto
(www.cavalieriterretarentine.it),
 In collaborazione con:
Cooperativa Polisviluppo gestore del Parco Archeologico di Saturo.
Gruppi partecipanti:
II Cavalieri de li Terre Tarentine, Taranto
Historia, Bari
Milites federici II Oria (BR)
Imperiales Federici II, Foggia
Amici del Medioevo, Manfredonia (FG)
La Durlindana, Massafra (TA)
Rosa e Spada, Napoli
Reenactment Sud Italia
Lupo errante, Montesilvano (PE)
Wulfingas - Guardiani di Midgard, Roma
Compagnia del Drago, Reggio Calabria
Valhalla Viking Victory A.S.D. Morlupo (Roma)
Impuratus, Bitonto (Bari)
Il Castello, Leporano (Taranto)
Narsilion,Latina
Vikings,Italy
Sagitta barbarica di Turigi, Angera (VA)
Terror Mundi, Varsavia, Polonia
Artigiani presenti:
Riccardi Armature, Manfredonia (Fg)
Narsilion, abbigliamento storico e accessori, Latina.

22 maggio 2013

"Nero Infinito" il nuovo film con Nadia Carbone

 Trailer del Film con Nadia Carbone

 
Trama del film "Nero Infinito":
Dora Pelser è una scrittrice di successo
 e i suoi libri sono tra i maggiori best seller thriller
 più amati dai lettori, 
ma nella piccola città meridionale della scrittrice
 un misterioso e quanto mai sadico serial killer
 li prende a ispirazione per uccidere,
 seguendo alla lettera le raccapriccianti 
descrizioni degli omicidi.
 Sulla sua identità indagano due poliziotti,
 l'ispettore capo Elena D'Aquino e 
l'ispettore Valerio Costa che, 
dopo aver sospettato anche di Dora e 
del suo editore Piero Mazzoni, 
concentrano la loro attenzione su Leo,
 un giovane e tranquillo barista con la passione 
per le riprese amatoriali. 
I due poliziotti iniziano a pedinarlo scoprendo che
 è solito recarsi in una vecchia e fatiscente casa
 fuori città.....

USCITA CINEMA:

GENERE: Horror, Thriller
REGIA: Giorgio Bruno
SCENEGGIATURA: Giorgio Bruno
Rosario Petix, Riccardo Maria Tarci,

21 maggio 2013

"Risveglio di Primavera" - La Casaccia


 

 Sabato 25 Maggio alle ore 20,00 
presso la Sala Espositiva della Casaccia,
 in via Municipio, 43, a Francavilla Fontana 
si inaugurerà la mostra
 “RISVEGLIO DI PRIMAVERA” 
delle artiste brindisine 
Rita Incalza e Vittoria Altomare.

La mostra propone un viaggio nel mondo 
pieno di colori delle due artiste 
che con le loro opere tributano la bellezza 
della vita e la gioia di vivere.

La mostra sarà visitabile sino al 04 giugno
 e sarà aperta ogni giorno 
dalle 17:30 alle 20:30. 
La domenica aperta al mattino 
dalle ore 10:30 alle 12:30. 
Ingresso gratuito.

Rita Incalza nasce a Francavilla Fontana nel 1948,
 risiede da oltre 40 anni a Brindisi 
e coltiva numerose passioni tra le quali 
la floricoltura e la pittura su tela.
La sensibilità nei confronti della natura 
e,  in particolare, 
dei fiori ha indirizzato la sua espressione artistica 
verso la rappresentazione floreale e paesaggistica.

Rita Incalza nasce artisticamente da autodidatta 
nell’agosto del 1997, 
raggiungendo in brevissimo tempo capacità 
ben definite nel disegno e nelle scelte espressive 
di colori e forme. 
La sua specializzazione è la pittura ad olio,
 in alcuni casi materica.
Le sue rappresentazioni raffigurano quasi sempre 
la natura in tutti i sui contesti:
 paesaggi campestri, montani e marini; 
prediligendo la natura floreale in tutte le sue sfumature.

Vittoria Altomare nasce a Brindisi 
e da sempre vive in questa città 
per il suo speciale rapporto con il mare,
 tante volte ispirazione, 
ogni volta nuova nei colori e nella profondità.
La sua produzione pittorica si orienta prevalentemente 
alla rappresentazione di figure umane 
con l’utilizzo esclusivo di colori ad olio 
in singolari giochi di ombre e luci.
 La donna e l’uomo rappresentati nei diversi 
momenti di vita quotidiana, 
dal sacro al profano, dall’infanzia alla giovinezza, 
nelle morbide linee del corpo che Vittoria 
ama definire e perfezionare come seta.

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-