4 maggio 2012

La Pedalata e Bicincittà 2012


  foto dell' edizione 2011 

Oria: domenica 13 maggio tutti in bici con

 "La Pedalata" e "Bicincittà"

  Il Rione Lama di Oria e l’associazione sportiva “Oria Messapica” 
organizzano per domenica 13 maggio la 31esima edizione de “La Pedalata”, 
coincidente quest’anno con la manifestazione nazionale
Bicincittà  strade sicure, aria pulita” 
che si terrà contemporaneamente in oltre 100 città italiane 
con l’adesione del Presidente della Repubblica 
e il patrocinio di diversi Ministeri e di importanti istituzioni nazionali.
Il programma de “La Pedalata” – “Bicincittà” 
che gode del patrocinio della Città di Oria 
prevede alle ore 8.30 il raduno dei partecipanti nel piazzale antistante il Municipio 
(sito in via Epitaffio), 
dove sarà possibile iscriversi alla manifestazione versando 
il modesto contributo di € 3,00.
 I partecipanti all’iniziativa – che non è competitiva – percorreranno le vie cittadine 
secondo l’itinerario stabilito, 
facendo una sosta alle ore 10.00 presso 
la chiesa parrocchiale di San Francesco d’Assisi per la “benedizione delle bici” 
impartita dal parroco don Domenico Spina.
“La Pedalata” – “Bicincittà” terminerà alle ore 11.00 in piazza Lama 
con la premiazione dei partecipanti; saranno infatti premiati: 
- la bicicletta tecnicamente più curata, 
- il gruppo più numeroso, 
- il concorrente proveniente dal paese più lontano, 
- la famiglia più numerosa (previa esibizione dello stato di famiglia), 
- il concorrente più anziano 
e altri premi speciali.

Un’iniziativa, quella de “La Pedalata”, da ormai 31 edizioni 
coinvolge non solo il Rione Lama ma l’intera cittadinanza oritana 
e che in questo 2012, 
con la collaborazione di “Oria Messapica”, 
acquisisce un valore aggiunto 
inserendosi nella manifestazione di respiro nazionale 
 “Bicincittà”.

“Salviamo i ciclisti”: il Times ha lanciato una petizione dal sito del quotidiano, 
otto provvedimenti essenziali che la politica dovrebbe adottare 
per rendere più sicura la vita di chi si sposta in bicicletta. 
La campagna è stata rilanciata da molti siti e blog in internet per aprire gli occhi 
dell’opinione pubblica sulla strage di ciclisti nelle strade delle città. 
Sessantuno, tra deputati e senatori di ogni parte politica con 
l’esclusione della Lega, hanno firmato un progetto di legge volto a favorire 
la prospettiva di vivere in città più “ciclabili”. 

L’Uisp aderisce alla campagna e promuove gli otto punti del manifesto 
lanciato dal quotidiano inglese:
1. Gli autoarticolati che entrano in un centro urbano devono, per legge, 
    essere dotati di   sensori, allarmi sonori che segnalino la svolta, specchi 
    supplementari  e barre di sicurezza che evitino ai ciclisti di finire sotto le ruote.
2. I 500 incroci più pericolosi del paese devono essere individuati , 
     ripensati e dotati di semafori preferenziali per i ciclisti e di specchi che 
     permettano ai  camionisti di vedere eventuali ciclisti presenti sul lato.
3. Dovrà essere condotta un’indagine nazionale per determinare quante persone 
     vanno in bicicletta in Italia e quanti ciclisti vengono uccisi o feriti.
4. Il 2% del budget dell’ANAS dovrà essere destinato alla creazione di piste ciclabili 
     di nuova generazione.
5. La formazione di ciclisti e autisti deve essere migliorata e la sicurezza 
     dei ciclisti deve diventare una parte fondamentale dei test di guida.
6. 30 km/h deve essere il limite di velocità massima nelle aree residenziali 
     sprovviste di piste ciclabili.
7. I privati devono essere invitati a sponsorizzare la creazione di piste ciclabili 
    e superstrade ciclabili prendendo ad esempio lo schema di noleggio bici 
    londinese sponsorizzato dalla Barclays
8. Ogni città deve nominare un commissario alla ciclabilità per promuovere le riforme.

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-