4 agosto 2011

Benedizione del Palio del Torneo dei Rioni 2011

 

AL CASTELLO DI ORIA UN ULIVO DALLA SELVA DI SAN FRANCESCO
Donato dal vescovo di Assisi alla famiglia Romanin Caliandro.

Nato quattro anni fa ad Assisi nella Selva di San Francesco. 
Esile e fragile, ma destinato a diventare robusto e secolare. 
Carico di frutti, non solo materiali. 
E’ l’alberello di ulivo che il vescovo di Assisi,
mons. Domenico Sorrentino
ha benedetto e donato ai proprietari del Castello di Oria, 
la famiglia Romanin Caliandro, 
durante la visita della delegazione giunta da Oria 
qualche settimana fa per presentare ufficialmente il bozzetto 
del Palio del Torneo dei Rioni 2011 
che legherà la città pugliese con la città di Assisi e la sua diocesi.
Arte, natura e spiritualità. 
Ecco i temi che caratterizzano la cerimonia 
di benedizione del Palio che domani,
venerdì 5 agosto
si è svolto presso la Chiesa di Sant’Antonio ad Oria.

Il rito della benedizione sarà officiato alla presenza 
del Vescovo di Oria in persona, 
mons. Enzo Pisanello.

“E’ un dono inatteso e allo stesso tempo meraviglioso
per il suo messaggio di pace, speranza e rinascita. 
L’ulivo della Selva di San Francesco troverà presto dimora 
nella grande Piazza d’Armi del Castello 
in un giorno di festa per tutti” 
 ha annunciato Emanuela Romanin, proprietaria del maniero.

“Lo Spirito di Assisi accompagni i giorni di festa 
che attendono il castello e la città di Oria 
– ha dichiarato il presule assisano – 
L’omaggio dei Romanin alla tradizione e all’arte, 
attraverso l’opera del Maestro Afrune
pone al centro dell’attenzione il ruolo delle donne 
e il valore del lavoro e della preghiera”.

La Selva di San Francesco comprende un vasto e 
antichissimo terreno boschivo adiacente alla Basilica Superiore di Assisi 
ed è un bosco antichissimo di sessanta ettari che comprende 
la Chiesa benedettina di Santa Croce, edificio del 1200. 
Poco più di un secolo fa, la Piazza d’Armi del Castello di Oria 
fu affidata alle cure delle monache benedettine 
che qui impiantarono orti e vigneti,
praticando la regola della Preghiera e del Lavoro. 

In quello stesso magnifico spazio che domina il paesaggio
tra Brindisi e Taranto un nuovo albero racconterà della Puglia 
e dell’Umbria che s’incontrano 
in nome di Federico II, san Francesco e santa Chiara.

 

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-