15 gennaio 2011

"BRIGANTE SE MORE" viaggio nella musica del sud - 15 gennaio 2011

 
 
Eugenio Bennato, 
fondatore del celebre movimento 
Taranta Power 
e accurato ricercatore della musica del Sud,
inforca la penna per scrivere la storia di una ballata, 
quella scritta insieme a Carlo D’Angiò, 
divenuta oramai un inno per migliaia di giovani 
legati al mondo della musica folk e popolare. 
Brigante se more
composta su commissione nel1979 per lo sceneggiato 
L’eredità della Priora di Anton Giulio Majano
ha fatto conoscere a tutti la storia dell’emigrazione e del brigantaggio, 
raccontando la ribellione della gente meridionale 
all’invasione piemontese del 1860, 
ma è diventata anche l’emblemadi tante altre storie di ribellione 
e lotta e non asservimento alla retorica di Stato. 
Il brano si è diffuso a macchia d’olio risvegliando questioni tenute 
in poco conto nelle stanze della storiografia ufficiale, 
tanto che qualcuno ha confusamente insinuato il dubbio 
che la canzone sarebbe stata scritta un secolo prima, 
non si sa dove e non si sa da chi, 
e sono nate dispute e controversi e infinite circa la sua “reale” appartenenza. 
Sull’onda di queste polemiche non documentate, 
Bennato ha deciso di descrivere dettagliatamente 
il percorso umano e creativo che lo ha portato alla composizione 
di Brigante se more, 
interfacciandosi anche con i suoni e i rituali del Sud 
di ieri e di oggi e approfondendo, in un viaggio a ritroso 
tra terre impervie e soleggiate, l’affascinante e triste storia 
di alcuni tra i più combattivi briganti di fine Ottocento: 
Ninco Nanco, Carmine Crocco, Michelina De Cesare, 
personaggi dall’anima pura e implacabile che, 
vivendo le loro vite di battaglia e rapina, 
segnarono profondamente le divisioni e le lotte 
che sarebbero venute in quella che ancora conosciamo come 
Questione meridionale.



 GIANFRANCO BERARDI 
Il progetto dal nome
“Briganti” 
nasce nel febbraio 2000 attraverso un primo lavoro 
di ricerca prettamente storico – sociale. 
Studiando, leggendo e ricercando su libri di storia, 
su testi di autori contemporanei 
(uno fra tanti Tommaso Pedio),
 e documenti rinvenuti in biblioteche, 
è nata la volontà di rendere sottoforma teatrale, 
di descrivere attraverso la messinscena, 
quelle emozioni e quelle atmosfere vissute in questa prima fase del lavoro. 
Il progetto infatti affronta le tematiche del 
brigantaggio meridionale post-unitario (1860-61); 
la scena si svolge in una cella delle carceri del ex- Regno delle Due Sicilie, 
dove, attraverso le memorie di un giovane ventiseienne 
caduto prigioniero in battaglia, 
si rivivono avvenimenti ed episodi che hanno segnato 
la vita delle popolazioni del Mezzogiorno d’Italia 
prodotti dallo scontro fra il nuovo ordine costituito e reazionari. 
L’intero universo dei fatti narrati trae spunto da documenti storici 
di vicende realmente accadute e spesso tralasciate 
dalla storiografia ufficiale. 
Ad essi, però, si miscela il mondo della tradizione orale popolare 
non privo di spunti fantastici. 
Il testo trasforma in sogno realtà crudeli, 
ironizza su temi, nostro malgrado, ancora vivi, 
ponendo attenzione sulle radici “culturali” del problema, 
cercando di non cadere in una retorica politica. 
“L’ignoranza genera violenza, violenza genera violenza” 
è uno dei principi che si intende trasmettere con il lavoro. 
Un solo attore in scena con una sedia, cerca di manifestare un taglio 
di una storia ancora per un certo verso negata, 
ancora attuale e sicuramente universale; 
mette in scena particolari, dettagli, racconti ispirati a 
precise zone o personaggi storici evitando di chiudere 
il tutto in una realtà spaziale circoscritta, 
senza alcuna narrazione filologica della storia. 
Scene e luoghi della memoria sono affidati al lavoro delle luci. 
Alla vita di Carmine Crocco, alla quale molte biografie di eroi celebri
possono essere paragonate e alle sue scorribande nelle province lucane, 
è liberamente ispirato il lavoro, 
in quanto testimone di ribellione come reazione e non rivoluzione.
“Noi siamo come la serpe, se non la stuzzichi non ti morde”.

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-