30 dicembre 2010

Concerto di Capodanno - 4^ Edizione

  
Concerto Musicale 
di natura bandistica che si terrà in 
ORIA  (Br)
presso la Chiesa di S. Domenico 
alle ore 20,00 nella giornata di 
Capodanno 
tenuto dall' Orchestra Giovanile di Fiati 
" PROGETTO ARTISTICO ORITANO" 
diretta dal Maestro 
IURLARO ADRIANO.
 
Nella stessa verrà eseguito un programma musicale 
comprendente brani di: 
LUIS PRIMA, 
JACOB DE HANN, 
GIUSEPPE VERDI, 
ENNIO MORRICONE.
 
L' Associazione Culturale Musicale 
"Progetto Artistico Oritano" 
nell'augurarvi un felice 

Anno 2011
 
RINGRAZIA 
anticipatamente e 
Vi invita alla partecipazione di tale evento.

29 dicembre 2010

Presepe della Chiesa di San Francesco di Paola in San Barsanofio - Oria

LA PAROLA AI MANIFESTI

Mercoledì 29 dicembre 2010 alle ore 18:00,
presso il Ritiro Maria Immacolata della parrocchia di S. Domenico, 
i volontari del Servizio Civile 2010
operanti nell’ambito del progetto 
“Musei e archivi storici in rete”, 
inaugureranno la mostra 
“La Parola ai Manifesti”.


I visitatori potranno vedere (o rivedere) 
i manifesti murali realizzati dall’Amministrazione Comunale 
in occasione degli avvenimenti che hanno caratterizzato
la storia di Oria negli ultimi decenni.
 
Un viaggio nel tempo alla riscoperta di eventi di carattere turistico, 
culturale e religioso, dal 1967 ai giorni nostri.
Nel corso dell’inaugurazione sarà presentato anche 
un catalogo della mostra corredato da foto.

L’organizzazione dell’esposizione e la catalogazione 
degli stampati è stata curata da i volontari 
Vanessa Candeloro, Simona Carbone, Giuseppina Coluccia,
Fabio D’Oria, Giovanna Durante, Filomena Pasulo, 
Alessandro Perrucci  e Francesca Ribezzo, 
in collaborazione con
il personale della Biblioteca Comunale di Oria 
e i responsabili comunali del Servizio Civile.

28 dicembre 2010

“Santi, santini e santorali” in mostra ad Oria - Museo Diocesano

 
 
 Ritorna anche per questo Natale
l’attesissimo appuntamento con le 
mostre tematiche organizzate e proposte ogni anno 
dal Museo Diocesano di Oria, 
diretto da Don Daniele Conte.

Ieri sera infatti è stata inaugurata la mostra
“Santi, santini e santorali”
contenente stampe e incisioni a soggetto sacro 
prodotte dal XV al XIX secolo: 
dai primissimi anni dell’esistenza della stampa 
fino a poco più di un secolo addietro. 

La storia dell’iconografia sacra popolare stampata su carta 
per la devozione comune viene così raccontata in una carrellata 
di pezzi aventi altissimo valore documentale, 
pazientemente rintracciati e fatti arrivare ad Oria proprio da 
Don Daniele Conte, 
direttore del Museo, Archivio e Biblioteca Diocesana. 

I pezzi presenti nella mostra hanno la provenienza più disparata: 
dalla Francia alla Germania passando per le Fiandre ed il Belgio.

La mostra, ospitata presso il Palazzo Vescovile di Oria, 
è visitabile con ingresso libero 
fino al giorno dell’Epifania dalle 17.00 alle 19.30.

In contemporanea e presso la stessa sede è possibile visitare anche il 
Museo Diocesano e la mostra permanente dei presepi.

26 dicembre 2010

"NELLA TERRA DI JESHUA" tra sogno e promessa


“Terra in cui scorrono latte e miele”, 
culla delle tre grandi religioni storiche 
(ebraica, cristiana e musulmana),
la Palestina sembra congenitamente incapace di 
sottomettersi una volta per tutte ad un padrone. 

Promessa da Jahvé al popolo ebraico, 
ma al contempo riparo per le popolazioni filistee 
(dall’ebraico “Peleshet” da cui deriva la successiva denominazione romana “Palaestina”), 
questa terra è sempre la stessa che ha ascoltato
il pianto del piccolo Jeshua che veniva al mondo 
e che si è nutrita del suo sangue versato sulla croce.
Con la distruzione del tempio di Gerusalemme questa terra 
ha abbandonato al suo destino il popolo ebraico,
colpevole a sua volta di aver abbandonato Dio, 
offrendo il proprio grembo alle cure delle popolazioni arabe.
Nella sua esigenza di coerenza la storia però ha preteso 
per se stessa quella circolarità che molto spesso la realtà le ha negato. 

E proprio mentre era costretta a registrare il rapido estinguersi 
del popolo ebraico sotto il peso della secolarizzazione, 
la brutalità dei pogrom e le docce di gas nei campi di concentramento,
meditava in sordina per esso la possibilità di un ritorno nella terra promessa. 
Ma il giudizio della storia 
“si alza solo sul far del crepuscolo”, 
e guarda caso, nel frattempo, quella terra da promessa alla discendenza
di Abramo si era trasformata in un sogno per quelle popolazioni 
che intanto l’avevano custodita senza poterla mai possedere. 
Il dominio dell’impero ottomano prima, e il mandato britannico poi, 
avevano di fatto impedito alle popolazioni autoctone 
di matrice araba una reale indipendenza e, proprio quando 
le decolonizzazioni post-belliche sembravano aver definitivamente 
aperto uno spiraglio, queste popolazioni hanno incrociato
nel loro destino il destino del popolo israeliano che reclamava, 
dopo l’esilio, di riscuotere i frutti dell’antica promessa. 
Nel momento in cui s’incrociano, questi due destini valicano i confini 
della storia contemporanea:
storia scritta dagli attentati delle organizzazioni paramilitari 
dell’Irgun e della Banda Stern, dalla Guerra dei Sei Giorni 
e da quella di Kippur, storia a cui cercano di resistere
i moti rivoluzionari dei fedayin palestinesi
ma che inevitabilmente continua ad imporre la propria volontà 
fatta di missili, dei massacri di Chatila e Sabra, 
di sterminati campi profughi palestinesi. 

Storia che a forza di rilanciare violenza finisce con l’irrigidire
entrambe le parti tanto che, dalle originarie e sacrosante pretese 
avanzate dall’ Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) e da Al Fatah,
si giunge all’integralismo di Hamas. 

Storia che infine, a furia di rispettare il motto 
“occhio per occhio”, come dice Ghandi, finisce col trovarsi cieca 
di fronte alla sterminata sofferenza da lei stessa generata. Storia che oggi, 
lo si può dire, pare aver dimenticato definitivamente il
senso genuino delle parole “sogno” e “promessa”.
Con sguardo umile, consapevole della complessità della realtà e della dignità del dolore,
Laboratoria
propone quest’anno, attraverso una mostra fotografica, 
l’itinerario del viaggio compiuto dallo scrittore
Carlo Cuppini in terra di Palestina. 
I suoi scatti e il suo diario di viaggio guideranno gli occhi e i pensieri
degli osservatori all’interno di una complessa realtà quotidiana 
che molto spesso i calcoli diplomatici
e la sterilità dell’informazione finiscono col far passare in secondo piano 
e che invece l’arte e la cultura
hanno sempre il dovere di guardare diritto negli occhi. 
Parallelamente alla mostra l’associazione
bandisce anche quest’anno un concorso fotografico ad essa attinente.

 B. J., ragazzo palestinese, 21 anni: 
‘quello che proprio non riesco ad accettare è il fatto che 
qualcuno ha cambiato il mio orizzonte. 
Da quando sono nato, sognavo di viaggiare oltre l’orizzonte. 
Altri viaggi, veri intendo dire, non ne ho fatti. 
Ora se guardo l’orizzonte vedo solo il cemento.’
Il 9 novembre del 1989 cadeva un muro che, 
per 28 anni, aveva diviso in due parti la città di Berlino. 
Fu una festa di liberazione,
in cui la rabbia verso il vicinissimo passato si mescolava alla speranza 
per un futuro migliore. 
Dal 16 giugno del 2002, un muro lungo più di 700 km 
oscura le esistenze dei cittadini palestinesi che, 
separati dallo stato di Israele, si vedono usurpare le proprie
terre e mettere a tacere la propria libertà. 
Muri di ‘protezione’ sono definiti. 
Eppure, la protezione dovrebbe nutrirsi di tranquillità,
di calore, dovrebbe accogliere nella comodità delle sue forti braccia. 
Come le quattro mura domestiche, morbide. 
Dovrebbe offrire sostegno e conforto. 
E insegnare il confine fra la paura e la curiosità. 
Ma ciò che accade in molti paesi alimenta esclusivamente l’odio. 
Perché i muri costruiti con il cemento impastato di ciechi limiti ideologici 
sono troppo sottili per riscaldare e troppo spessi
per diventare trasparenti. 
Oltrepassare, dunque, diventa vitale: mettere le scarpe comode, 
fare un bel respiro e saltare dall’altra parte, quando si può. 
Indossare occhi da bambino, sospirare e guardare dall’altra parte, 
quando, invece, i sogni e le speranze
rimangono l’ultimo aggancio verso il futuro. 
Si potrà mai dormire all’ombra di questo muro d’inquietudine? 
O si dovrà temere di essere schiacciati dall’incomunicabilità, 
e sommersi dalla distanza con chi è diverso? 
Sarà mai un muro pieno di linfa vitale,
ricoperto di verde, ai piedi del quale poter riposare sereni? 
Forse con le gambe, e le scarpe, pronte a lottare, forse con gli occhi
ingenui e attenti si potrà costruire un mondo
in cui le mura sono fatte di pelle colorata 
e i mattoni di cuori pulsanti; 
un mondo in cui le anime delle popolazioni discriminate 
non vivano più al buio della disperazione. 
Un mondo nel quale l’indifferenza generale
la smetta di trasformarci in tantissimi piccoli, grandi, enormi, pesanti, 
mattoni della vergogna.
Laboratoria presenta il nuovo concorso fotografico. 
Sensibile e attenta a ciò che sta accadendo in diversi paesi
del mondo, l’associazione si interroga sulla difficile 
e controversa tematica del muro: 
barriera protettiva, sì, ma anche discriminante e limitatrice di libertà. 
Luogo di penitenza e preghiera, luogo di ricordi e, ancora, 
pagina bianca su cui sfogarsi. 
Per ognuno di noi il muro assume una concezione diversa: 
imprimerla in una foto può rivelarsi
impresa difficile quando creativa e fantasiosa. 
Sicuramente, sarà anche opportunità di riflessione e di domande personali. 

Un momento di crescita, dunque, 
che descriva attraverso le immagini il modo in cui, a quei quesiti,
vogliamo dare risposta. 

Qui poi ci saranno le informazioni più precise su concorso e mostra.
Il bando completo del concorso e tutte le informazioni relative ad esso sono presenti sul sito www.laboratoriaweb.org
oppure per altri chiarimenti potete contattare il seguente recapito telefonico 
 320.2681063

24 dicembre 2010

Nuova apertura Ristorante Pizzeria 'IL POZZO DELLA MADDALENA' Oria

 
 
 E' stata aperta una nuova attività di 
Ristorante Pizzeria  

'IL POZZO DELLA MADDALENA'
 
ubicato in Via Ciriaco angolo Via Francavilla
è aperto tutti i giorni 
per pranzo e cena.

per info: 327 6322690 Fabio 
                333 4380051 Amleto

22 dicembre 2010

Cosa Bolle in Piazza - Latiano 26 dicembre 2010


26 dicembre a Latiano II edizione 
della manifestazione
“Cosa Bolle in Piazza”.
Dopo il grande successo di pubblico 
della prima edizione 
l’Associazione Culturale Civico 73 
con il Patrocinio della Città di Latiano
organizza per il giorno 26 Dicembre la II edizione 
della manifestazione “Cosa Bolle in Piazza”
media partner dell’ evento Idea Radio e
You Color comunicazione e marketing.

Un nuovo evento nell’attivissima città di Latiano 
che nel periodo natalizio offre un ricco calendario 
con tante e diverse occasioni di intrattenimento, 
svago e incontro, tutte attentamente seguite da 
Idea Radio 
che all’interno della sua programmazione giornaliera 
dedica ampi spazi alle iniziative previste 
per il periodo natalizio.
In particolare, questo evento, 
targato dall’ Associazione Culturale Civico 73, 
si propone come un’ occasione di incontro e 
scambio tra giovani e famiglie, 
associazioni culturali e di volontariato, 
con momenti di intrattenimento e 
espressioni artistiche 
che ha come obiettivo
quello di riappropriarsi della piazza e 
degli spazi della socialità da parte di tutta 
la cittadinanza.

La manifestazione prevede momenti di svago, intrattenimento, arte, socializzazione e tante 
sorprese per grandi e piccoli, 
e potrà essere seguita sintonizzandosi 
sulle frequenze di Idea Radio 
oppure in streaming sul sito www.idearadionelmondo.it 
in cui verranno comunicati
in tempo reale tutti gli aggiornamenti e 
curiosità relativi all’evento.
Dalle ore 16:00 in poi nei pressi di 
Piazza Umberto I 
negli antichi saloni del palazzo Imperiali 
e vicoli del centro storico si alterneranno
artisti di strada, spettacoli di magia, 
teatro dei burattini, un ricco mercatino dell’artigianato, musica live nell’atrio del palazzo Imperiali
con suggestive e trascinanti sonorità, 
scatenatissimi ballerini di breakdance, 
la tradizionale e emozionante tombolata 
con ricchi premi tra
gli antichi saloni del castello, 
mostra pittorica di artisti pugliesi 
e per finire concorso di disegno e 
creatività per i bambini delle scuole
elementari della città di Latiano con tema 
“Il Natale”
I lavori dei piccoli artisti saranno esaminati 
da una giuria di grande spessore
presieduta dall’artista Latianese 
Carmelo Conte.
Idea Radio sarà presente con i suoi microfoni 
per interviste e approfondimenti 
sulla manifestazione.
Gli ingredienti sono ricchi e gustosi, 
il calderone inizia a ribollire…
è quasi tutto pronto.

Il 26 Dicembre 
in piazza a Latiano…
Cosa bolle in piazza?

Per info su evento e adesione mercatino artigianato chiamare il numero 340-5820192

oppure scrivere sull’ account facebook :
associazioneculturalecivico73.
 
Idea Radio Ass. Cult. -via Italia, 40- 72022 Latiano (BR) - e fax 0831-727448
e-mail Programmazione: idearadiobellamusica@libero.it - Redazione Giornalistica: idearadionotizie@libero.it
Amministrazione: idearadiodirezione@libero.it



19 dicembre 2010

Calendario 2011 del Corteo Storico di Federico II e Torneo dei Rioni

 
 
Lunedì 20 dicembre alle 17:00
presso il Cinema-Teatro “V. Gassman” di Oria, 
si svolgerà la presentazione del  
Calendario 2011 
del “Corteo Storico di Federico II 
e Torneo dei Rioni” 
e del cortometraggio sul 
Torneo dei Rioni ed. 2011 
realizzato da 
Fabrizio Manigrasso.

Nel corso della serata, condotta dalla giornalista 
Gianrosita Fantini
sarà onorata la memoria di  
Ciccillo Carbone
già Cerimoniere del Torneo dei Rioni.

Il Torneo dei Rioni, 
organizzato annualmente durante 
la seconda settimana di agosto 
dall’Associazione Turistica Pro Loco di Oria, 
gode dell’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica 
e del Consiglio dei Ministri, 
del patrocinio della Regione Puglia, 
della Provincia di Brindisi 
e del progetto di promozione territoriale 
“Filia Solis”, 
della città gemellata di Lorch, 
della città di Oria 
e dei quattro rioni Castello, 
Judea, Lama e San Basilio.

il Mercatino di Babbo Natale

Il mercatino di 
Babbo Natale
è un evento organizzato da 
Donato Caputo 
con il patrocinio del 
Comune di Oria.
 
Si svolgerà dal 16 al 19 Dicembre

da Giovedì a Sabato: ore 18:00-23:00

Domenica: ore 10:00-13:00 e 16:00-23:00

16 Giovedì: Inaugurazione ore 18:00;

17 Venerdì: Spettacolo del 
Mago Manisco;

18 Sabato: Spettacolo di Pizzica Salentina;

19 Domenica: 
Spettacolo di  
Uccio De Santis 
e concerto degli 
AVATAR.

Spiazzo antistante la stazione ferroviaria
Viale Regina Margherita
Oria, Italy

17 dicembre 2010

Italian GOSPELS Oria - 17 dicembre 2010

 
 Si svolgerà oggi 
venerdì 17 alle ore ore 18 
presso la parrocchia 
San Barsanofio 
l’atteso appuntamento con il gruppo vocale 
Italian Gospels
gospel e spiritual choir. 
Originario di Marina di Lesina (FG) 
e diretto dalla Prof.ssa Luigia Palmieri 
il gruppo è accompagnato da 4 strumentisti 
e la splendida voce di 
Cheryl Nickerson 
(già vocalist di Zucchero e Ray Charles).

Il repertorio del gruppo 
non si limita solo al gospel tradizionale 
ma sconfina anche nei classici americani come
“Happy days”o  “Amazing Grace” 
fino ai brani natalizi della tradizione mondiale.

11 dicembre 2010

ERCHIE in CORTOLUCE

 
L’Amministrazione comunale di 
Erchie 
invita
il 13 dicembre alle ore 19.00 
presso la sala di rappresentanza del 
Comune di Erchie 
alla
presentazione del progetto 
RELTOUR 
“Il turismo religioso nei piccoli centri” 
ammesso al finanziamento
con fondi europei.

A seguire il Prof. Sergio Spina
regista di RAI 3
premierà il cortometraggio vincitore del video concorso 
ERCHIE in CORTOLUCE.

7 dicembre 2010

8 dicembre 2010 - festeggiamenti MARIA SS. IMMACOLATA

 
 Foto della precedente edizione

 
 
 
 
 
 

La PETTOLATA del Rione Lama

 
 
Le Foto sono della precedente edizione
La Pettolata del
Rione LAMA
Al termine dei festeggiamenti religiosi 
in onore di MARIA SS. IMMACOLATA 
seguirà il momento di festa civile 
che vedrà la 
“Pettolata” 
in piazza Lama, 
organizzata e curata dal Rione Lama.

Mercatino del Baratto II Edizione

 
 
 

Nell’ambito della Campagna di Sensibilizzazione sulla Riduzione dei Rifiuti
e la loro Raccolta Differenziata nella Città di Oria
La Terra nelle Tue Mani”, 
l’associazione FARE VERDE Puglia
con il Patrocinio della Città di Oria – Assessorato all’Ambiente
organizza, in occasione della 
 Festività dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre, la seconda edizione del
Mercatino del Baratto” 
che si svolgerà, dalle 18.30 alle 21.30, in Piazza Lama,
in concomitanza con la “pettolata”. 
L’iniziativa si ripeterà anche durante le Festività Natalizie.
L’iniziativa è ispirata dal desiderio di semplicità e dalla volontà 
di testimoniare con gesti concreti la 
possibilità di incidere sulla qualità dell’ambiente e dei rapporti umani.
I volontari di FARE VERDE Puglia coltivano il comune desiderio di creare, 
per se stessi e per gli altri, spazi di vita, 
di condivisione di idee pratiche e conoscenze, 
di discussione sui temi della Riduzione dei Rifiuti
sin dal momento dell’acquisto dei prodotti.
La partecipazione al “Mercatino del Baratto” 
è aperta a tutti ed è gratuita
Ognuno potrà parteciparvi portando con se gli oggetti 
che vuol scambiare, insieme ad un tavolino o un telo per esporli. 
Occorrerà RISPETTARE solo POCHE BREVI e SEMPLICI REGOLE:
1) Non è ammesso l’uso del denaro per vendere o acquistare oggetti;
2) Non è ammesso il baratto di animali;
3) Non è ammesso esporre o barattare oggetti che violano la legge;
4) Portare solo oggetti funzionanti e in buono stato.

Perché barattare??
  • Perché è la prima forma di riduzione dei rifiuti grazie al loro riutilizzo integrale;
  • Perché invece di rimanere passivi di fronte al degrado delle nostre città, 
  • possiamo concretamente dare un esempio di civiltà ridando vita agli oggetti;
  • Perché il mercatino è una grande piazza nella quale scambiare idee e pareri, 
  • scoprire cose interessanti, incontrare altri amici;
  • Perché con il baratto è possibile procurarsi in modo economico gli oggetti di cui abbiamo necessità;
  • Perché le nostre case sono piene di oggetti 
  • che sono stati utili solo per poco tempo ed ora invadono i nostri spazi; 
  • e quegli stessi oggetti possono essere realmente utili ad altre persone;
  • Perché siamo sufficientemente intelligenti da capire che 
  • quando un oggetto diventa rifiuto, non sparisce 
  • dalla nostra vita, ma, prima o poi, ci ritorna………
FARE VERDE Puglia, con “La Terra nelle Tue Mani”, 
è impegnata nel proporre soluzioni alternative all’incenerimento dei rifiuti 
ed alla prevenzione della desertificazione dell’Italia, 
dando un concreto utilizzo alla frazione organica
raccolta “porta a porta” dal gestore unico 
dell’ATO BR/2, ATI Monteco-Cogeir.

da: Oria.info

Post più visitati

La Cripta di Crisante e Daria

Presentazione Storico/Culturale del Castello d'Oria

Post più popolari

Bar Carone - La SCARPETTA

"Lu Picurieddu ti Pasca"

i Miei Pensieri...

Fotografare era la mia passione: mi consideravo soddisfatto solo quando riuscivo a far "parlare" la fotografia.

Dedicavo gran parte del mio tempo a realizzare scatti, sempre con l'intento di cogliere l'attimo negli eventi, nelle cose e nelle manifestazioni più varie della natura.

Amo la spontaneità e mi affido all'intuizione.

I risultati migliori infatti li ottenevo quando fotografo all'insaputa del soggetto, e la foto è pura espressività.

Infine, penso alla fotografia come ad un'arte che matura e si evolve attraverso la passione, l'impegno e a una continua ricerca.

La fotografia è anche, un dettaglio della Vita, poter rivivere con serenità i ricordi di un momento particolare.

In queste pagine sono lieto nel proporvi alcuni scatti fotografici dove la naturalezza della scena evidenzia particolari in grado di rendere bella una foto e addolcire la scena fotografata.


Non mi è stato possibile chiedere a tutte le persone, le cui foto sono presenti in questo sito, se gradivano o meno questo inserimento; qualora qualcuna si ritenga offesa o infastidita da ciò, non ha che da telefonarmi o inviarmi e-mail all'indirizzo sotto pagina indicato ed io provvederò a togliere la o le foto indicatemi !

Ricordo a tutti, in ogni caso,

'che questo sito non è a fine di lucro'

ma soltanto una grande soddisfazione personale.

-.-